Come usare le immagini per aumentare le conversioni dirette

Aumentare le conversioni significa incrementare il numero di prenotazioni dirette, un obiettivo sempre più importante per gli albergatori in un settore reso ogni giorno più competitivo dagli investimenti compiuti dalle OTA e da altri hotel concorrenti che possono disporre di un budget superiore.

Nel corso dell’anno si tengono numerose riunioni finalizzate a trovare la soluzione per riuscire a raggiungere un livello soddisfacente di conversioni, senza però il più delle volte riuscirci. Per questo motivo, gli aggiornamenti professionali sono fondamentali.

A tal riguardo, è interessante notare come Oltreoceano negli ultimi mesi abbia ottenuto una notevole rilevanza la notizia dell’arrivo di Gallery Ads, un’innovativa tipologia di annunci visivi di Google. La nuova revisione realizzata dal colosso di Mountain View è diventata operativa alla fine del 2019.

Prima di proseguire nella lettura, vi basti sapere che la novità è strettamente collegata con l’aumento delle conversioni e la creazioni di ricordi indelebili per i propri ospiti.

Un’immagine vale più di mille parole

Quante volte avete sentito la frase: un’immagine vale più di mille parole? Non si tratta di un detto banale, ma di una massima da cui prendere ispirazione per riuscire a sviluppare una strategia di successo riguardo alle conversioni, oltre a lasciare un segno nella mente degli futuri ospiti dell’hotel.

Gli stessi fotografi sono consapevoli della potenza comunicativa delle immagini: le foto arrivano dove le parole non riescono. Il celebre artista Destin Sparks era solito ripetere che la fotografia è la storia che non si riesce a mettere in parole. Una sentenza non dissimile dalla frase iniziale.

È dunque evidente come quel qualcosa che ancora manca per far compiere il salto di qualità all’intera struttura (leggere prenotazioni dirette) sia l’utilizzo consapevole dell’immagine, il mezzo più potente all’interno del linguaggio comunicativo.

La differenza tra annunci e immagini

Una recente ricerca condotta dalla società di marketing Yankelovich ha rivelato che ogni giorno un utente visualizza oltre 5mila annunci navigando nel web. Un numero abnorme, che certifica lo stato di frenesia a cui è soggetto il mondo del web e, di riflesso, le persone che si collegano quotidianamente a Internet.

È ancora più interessante però sottolineare la differenza che intercorre tra annunci e immagini: se si è in presenza di annunci testuali (senza foto dunque), l’utente impiega fino a 10 secondi per capirne il significato e assegnargli un determinato valore; l’immagine viene invece digerita subito, come si dice in gergo, ha cioè il potere di arrivare subito al lettore.

Di conseguenza, gli annunci più performanti non sono quelli che contengono una frase (indipendentemente dalla sua lunghezza), ma dispongono sempre di un’immagine per arrivare dritti al potenziale cliente. Tutto questo Google l’ha capito da tempo, tanto che ora ha messo a punto una soluzione destinata a migliorare in maniera considerevole il tasso di conversioni di ciascun sito operante nel settore alberghiero.

Come funziona la Galleria di Annunci di Google

Gallery Ads rappresenta la nuova tipologia di annunci che Google ha studiato per tutte quelle aziende interessate a mostrare i propri prodotti visivamente attraverso una galleria fotografica. Avete l’opportunità di inserire da un minimo di 4 a un massimo di 8 immagini, sotto cui inserire poi una didascalia con una lunghezza fino a 70 caratteri e – cosa più importante – un pulsante di call to action.

L’inserzionista paga per ogni click ricevuto. Sono a pagamento anche gli swipe fino alla terza immagine (dalla quarta in avanti il costo da sostenere è pari a zero).

La Galleria di Annunci introdotta da Google va ad affiancare gli annunci nelle campagne di ricerca. Secondo le prime stime, si prevede un tasso di coinvolgimento superiore del 25 per cento grazie a Gallery Ads. Il lancio della versione beta risale all’inizio del mese di agosto dello scorso anno, con il roll-out ufficiale avvenuto alla fine del 2019.

L’ispirazione guida la conversione

Nel settore del marketing si è soliti ripetere che l’ispirazione guida la conversione. Anche in questo caso, protagonista è senz’altro l’immagine.

L’aiuto più importante che può venire in soccorso degli albergatori è una foto di alta qualità, in grado di mostrare ai potenziali clienti quanto sia bella la struttura, facendoli proiettare con la mente già all’interno della hall, del ristorante o della loro camera.

È in questo senso che l’ispirazione guida la conversione: se un utente si lascia trasportare dalle immagini presenti su un annuncio online, ci sono maggiori possibilità che quella stessa persona prenoti un soggiorno nell’hotel che lo ha colpito a livello emotivo.

Per i proprietari di un hotel, la fase in cui viene deciso se un utente si trasformerà in cliente o meno è quella appesa a un sottile filo tra sogno e pianificazione. Se le foto della struttura riescono a catturare non soltanto l’attenzione ma anche l’immaginazione degli utenti, quasi certamente la prenotazione diretta andrà in porto nei minuti immediatamente successivi.

Scegliere una foto più grande

Selezionare un’immagine più grande può essere l’elemento chiave per ottenere un considerevole vantaggio sulla concorrenza. Gli utenti rimangono più colpiti da foto di dimensioni maggiori, per questo è così importante sceglierla con cura. Oltre a creare una prima impressione favorevole, le immagini sono uno strumento fondamentale per creare consapevolezza del marchio agli occhi dei potenziali clienti. Se ancora non siete convinti dell’utilità delle foto, ecco alcune interessanti statistiche a cui prestare attenzione:

  • I neuroscienziati sono concordi nell’affermare che il cervello umano riesce a elaborare un’immagine in 13 millesecondi. Un tempo infinitamente minore rispetto a quello di cui necessita per capire il significato di un testo (circa 10 secondi, incluso il tempo per leggerlo)
  • Uno studio condotto da Kelton Global riporta come il 90 per cento delle nuove generazioni consideri fondamentale la presenza di effetti visivi stimolanti per considerare un contenuto efficace
  • Medium sostiene che l’80 per cento delle persone ricorda cosa ha visto, soltanto il 20 per cento ciò che ha letto.

Il consiglio è dunque di concentrare gli sforzi nel consentire ai viaggiatori di visualizzare foto di alta qualità e di dimensioni generose del vostro hotel, così da aumentare le conversioni.

Scritto da:

Pubblicato il: 7 Febbraio 2020

Filed Under: Approfondimento, Turismo, Web Marketing

Visite: 421

Tags: , , ,

Lascia un commento