Viaggiatori Bleisure: come sfruttare il content marketing per attirarli nel tuo hotel

Negli ultimi venti anni sono milioni gli italiani che trascorrono delle settimane intere fuori casa per motivi di lavoro. Le trasferte sono sempre più frequenti e sono in tanti coloro che decidono di allungare di qualche giorno i loro viaggi di lavoro, al fine di visitare delle città che altrimenti non avrebbero avuto l’opportunità di vedere.

Nasce così il turismo bleisure. Bleisure è la fusione tra i termini business e leisure. Coloro che viaggiano per motivi di affari sfruttano l’occasione per fare visita ai luoghi più belli del posto, incontrare nuova gente e gustare i piatti tipici. Questi viaggi vengono anche definiti micro-vacanze e il loro enorme vantaggio è che parte dei costi sono coperti dall’azienda o dalla società presso la quale si esercita la propria attività lavorativa.

L’ascesa dei viaggiatori bleisure

Questa nuova forma di turismo ha avuto inizio a partire dai primi anni 90 e rispetto alle sue origini si è trasformata ed evoluta. Inizialmente sia il viaggio che la scelta della struttura ricettiva dipendeva dalla società o da dove la persona più anziana del gruppo avesse un programma di fidelizzazione.

Le cose incominciarono a cambiare tra la fine degli anni 90 e il 2000 quando grazie alle agenzie di viaggio online, i social media, i blog e gli influencer, i viaggiatori iniziarono a disporre di maggiori informazioni sui migliori hotel e locali presenti in un certo territorio. Inoltre, le foto e gli hashtag hanno contribuito a creare una certa attrattiva attorno all’esperienza di viaggio piuttosto che alla destinazione.

Una recente ricerca di Expedia Group Media Solution ha registrato un vero e proprio boom nel settore: circa il 60% dei viaggi business è diventato bleisure. Inoltre, considerando che la media dei viaggi di lavoro è di 6 all’anno, questo segmento di mercato offre grandi opportunità di profitto.

Insomma, il mercato del turismo bleisure è in enorme e rapida crescita e al contrario di quanto si possa pensare non è composto solo dai cd millennials (che costituiranno il 75% della forza lavoro nel 2025). Ma vediamo adesso, come le strutture ricettive e le compagnie aeree possono attrarre e acquisire nuovi viaggiatori bleisure. I viaggiatori bleisure hanno sostanzialmente tre esigenze.

  1.  Vogliono accedere facilmente ad informazioni per loro importanti.
  2. A differenza dei viaggi esclusivamente di piacere in cui il viaggiatore è disposto a rinunciare anche a qualche comodità pur di raggiungere la destinazione tanto desiderata, i viaggi bleisure sono invece all’insegna del comfort e dell’utilità. Ciò vale a dire che la struttura ricettiva deve garantire il massimo agio e utilità per tutto il periodo del soggiorno al fine di acquisire e fidelizzare nuovi clienti.
  3. Un carattere che accomuna i viaggi bleisure a quelli di piacere è invece l’autenticità. I viaggiatori vogliono vivere come la gente del posto, conoscerne gli usi, le consuetudini e assaggiare i piatti tipici.

I viaggiatori bleisure sono disposti a condividere informazioni personali per ottenere servizi personalizzati e su misura da parte delle strutture ricettive. Inoltre, sono molto più disposti a spendere rispetto ai viaggiatori normali e questo è dovuto al fatto che le loro società pagano gran parte della spesa dell’intero viaggio.

Insomma, per un hotel o una qualsiasi struttura ricettiva, riuscire ad acquisire dei clienti bleisure vuol dire fare un terno al lotto.

Viaggiatori bleisure: perché convengono e perché è difficile attrarli

viaggiatori bleisure convengono ad un hotel per tutta una serie di motivi. Primo fra tutti perché non sono dei clienti stagionali e garantiscono la loro presenza durante tutto l’anno. Sono più facili da fidelizzare rispetto ai viaggiatori leisure per il semplice fatto che le loro aspettative sono più basse rispetto a questi ultimi e tutti i consigli in merito a spiagge, natura, monumenti e buon cibo sono sempre molto apprezzati. Non pianificano la parte relativa al piacere, di conseguenza spetterà alla struttura ricettiva rendere speciale il soggiorno con i propri consigli e suggerimenti.

Ebbene, se i viaggiatori bleisure possono rappresentare una miniera d’oro c’è anche da sottolineare il fatto che risulta sempre più difficile riuscire ad attirare la loro attenzione e questo sostanzialmente per due ragioni:

  • la scarsità di tempo dedicata all’organizzazione del viaggio fa si che si abbia a disposizione una finestra temporale piuttosto ristretta per emergere e farsi notare tra le varie strutture ricettive;
  • vengono prenotati pochi servizi di conseguenza si potranno prospettare soluzioni e offerte solo durante il periodo del soggiorno.

Come attrarre i viaggiatori bleisure

Di certo non si può pensare di influenzare la destinazione di un viaggiatore bleisure ma si può comunque cercare di convincerlo ad allungare il suo viaggio di lavoro con contenuti educativi e divertenti.

Al viaggiatore bleisure non interessano sconti o promozioni, anche perché buona parte della spesa sarà sostenuta dalla società di appartenenza, invece tenderà ad alloggiare nella struttura che trova prima di prenotare. Una buona struttura ricettiva che vuole ampliare la propria fetta di mercato in questo specifico segmento di clientela non deve far altro che mettersi in evidenza ovunque e su qualsiasi canale, come e-mail, app, blog, social media, eventi. Più saranno i canali utilizzati maggiori saranno le possibilità di essere subito trovati dai potenziali clienti.

Un’altro aspetto da non sottovalutare è quello di rivedere il proprio programma fedeltà. Molti dei clienti non sanno neanche di essere iscritti a tali programmi, in altri casi invece riuscire a raggiungere un numero di punti sufficiente per poter riscattare un premio di valore è pressoché impossibile. Di conseguenza molti viaggiatori preferiscono di gran lunga le OTA o i programmi delle carte di credito in quanto hanno la possibilità di scegliere e personalizzare i premi in base ai propri gusti e alle loro esigenze.

Insomma, il mercato bleisure è destinato ad una vera e propria esplosione soprattutto quando le nuove generazioni entreranno nel mondo del lavoro. Attuare nuove strategie di marketing dei contenuti non farà altro che risaltare la vostra struttura ricettiva garantendogli un successo a lungo termine.

Scritto da:

Pubblicato il: 23 Agosto 2019

Filed Under: Guida

Visite: 355

Tags: , , , , ,

Lascia un commento