SEO per principianti: come far crescere la propria visibilità su internet

Avete mai cercato su Google gli hotel presenti nella vostra zona?

Fate questa velocissima prova e controllate la posizione della vostra struttura ricettiva. Se non compare tra i primi risultati significa che avete bisogno di posizionare meglio il vostro sito sul motore di ricerca.

Ormai tutti conosciamo l’importanza, soprattutto nel settore alberghiero, di avere un sito web ben realizzato e ben indicizzato, visibile al punto tale da permettere maggiori prenotazioni dirette. Per questo motivo non essere posizionati tra i primi posti su Google è penalizzante, non solo in termini di visite ma anche di immagine.

Se siete curiosi di scoprire come ottimizzare il vostro sito web per i motori di ricerca, e battere così la concorrenza, non vi resta che dedicare qualche minuto del vostro tempo alla lettura di questa breve guida.

Performance e velocità del sito

In rete possiamo trovare molti test, anche gratuiti, relativi le prestazioni dei siti internet, capaci di fornire una panoramica sulla loro velocità di caricamento e non solo.

Perché fare un test di questo tipo? Semplice, per capire quanto tempo impiega una pagina web a caricarsi, dal momento del click sullo specifico link. Ma perché stiamo parlando della velocità di un sito e delle sue performance? Probabilmente non tutti sanno che i tempi di caricamento lenti declassano i siti web nei risultati dei motori di ricerca.

Quindi, la prima cosa da fare è migliorare la velocità e le performance del vostro sito, andando a ricercare i motivi che ne rendono lento il caricamento. Tra le principali cause possiamo annoverare le immagini di grandi dimensioni, i plug-in di terze parti, un codice scarsamente ottimizzato o un hosting inaffidabile e di scarsa qualità.

In questo caso, HotelNerds ha creato un suo CMS (Content Management System), uno strumento realizzato per e con le aziende del settore turistico alberghiero.

Tra i CMS, il più utilizzato al mondo è probabilmente WordPress, ma per realtà che necessitano di performance elevate, come le strutture alberghiere, con tante immagini, contenuti e “call to action”, non è la soluzione più facile da ottimizzare.

Nel nostro prodotto abbiamo inserito tutto quello che è funzionale ai risultati di una struttura ricettiva, rendendo inutili i plug-in di terze parti e ottimizzando la struttura per avere pagine già pronte per un’indicizzazione piùp rapida e corretta. 

Keyword e come utilizzarle nella strategia SEO

Le keyword hanno un’importanza fondamentale nel posizionamento del vostro sito su Google o su un qualsiasi altro motore di ricerca.

La particolarità e il valore sono dati dalla loro funzione, perché oltre a dover essere inserite coerentemente nei contenuti necessari a comunicare la vostra struttura ricettiva e le sue attività, devono anche rispecchiare le parole chiave specifiche utilizzate dai vostri potenziali clienti durante le loro ricerche. Per scoprire le migliori keyword da utilizzare, ci si può avvalere di una serie di strumenti online per l’analisi delle parole chiave, fermo restando che occorre avere le idee chiare su cosa comunicare e come farlo. 

Un aspetto ulteriore da considerare è quello di concentrarsi su keyword a coda lunga, ossia costituite da tre o più parole. Facciamo un esempio pratico per capire meglio. Immaginiamo una specifica struttura ricettiva a Roma.

Se inserissimo su un qualunque motore di ricerca le parole generiche “Hotel Roma”, quante probabilità avremmo di vedere proprio quella nelle prime posizioni? Lo strumento di pianificazione delle parole chiave Google mostrerà che i termini in questione vengono cercati milioni di volte al mese e sarebbe praticamente impossibile posizionarsi adeguatamente utilizzando quelle keyword.

Totalmente diverso e sicuramente più proficuo, utilizzare le parole chiave a coda lunga. Se la struttura si trovasse in un quartiere specifico, come l’EUR, potremmo provare “hotel Roma zona EUR”, consapevoli che verrebbero utilizzate solo dagli utenti effettivamente interessati a soggiornare in quella specifica area, ma altrettanto sicuri di un buon posizionamento per una concorrenza molto più bassa.

Infine, ricordate che le keyword vanno inserite nel titolo, nella meta description e nel corpo del testo, da qui l’importanza di selezionare quelle giuste. 

Realizzare dei contenuti di qualità

Scegliere le keyword giuste è sicuramente il primo passo per ottimizzare i propri contenuti e stazionare nelle prime pagine di Google o di altri motori di ricerca.

È importante però, a questo punto, passare ad uno step successivo e concentrarsi su un altro aspetto di fondamentale importanza: la qualità dei contenuti. Questi infatti sono una potente risorsa per generare traffico sul proprio sito e incrementare le prenotazioni.

Oltre alle foto, che catturano immediatamente l’attenzione e coinvolgono emotivamente gli utenti, particolare attenzione va rivolta anche ai contenuti scritti, che devono risultare interessanti e, possibilmente, unici. Grazie a questi, infatti, si possono mettere in risalto i punti di forza della propria struttura ricettiva, spiegare ciò che la contraddistingue rispetto alla concorrenza e invogliare così i potenziali clienti a prenotare. 

Le domande infatti che ogni albergatore deve porsi, nel momento in cui legge i contenuti del proprio sito, sono sostanzialmente tre:

– sono capaci di suscitare un reale interesse? 

– quanto scritto è facilmente leggibile e arriva subito al punto? 

– i potenziali clienti, che si trovano per la prima volta a visitare il sito, sono effettivamente invogliati a prenotare? 

Occorrono tre “si” molto convinti per decretare la “vendibilità” del vostro sito, una condizione che non può prescindere da un’estrema consapevolezza del brand. 

L’importanza della pagina di destinazione

La pagina di destinazione ha un ruolo importantissimo all’interno del digital marketing e serve sostanzialmente a generare visitatori web e contatti da trasformare poi in potenziali clienti.

Per il sito di un hotel una buona pagina di destinazione potrebbe essere quella dedicata al turismo o alle attrazioni locali.

La creazione di questo genere di pagine genera maggiore traffico e aumenta la visibilità di un sito, in quanto le keyword SEO verranno utilizzate anche all’interno delle pagine di destinazione andando ad ampliare ulteriormente il traffico dei potenziali utenti che si troveranno poi a visitare il sito del vostro hotel per reperire maggiori informazioni, iscriversi alla mailing list o effettuare una prenotazione.

Aggiungere un blog al sito

Se parliamo di strategie di marketing, un altro importante strumento da prendere in considerazione è quello del blog connesso al sito del vostro hotel. Dal punto di vista funzionale può essere posto sullo stesso piano della pagina di destinazione, con l’unica differenza che il blog offre una maggiore discrezionalità in termini di contenuti.

Il blog, sul sito web di un hotel, può essere utilizzato in vari modi, dalla segnalazione dei ristoranti più rinomati alla promozione delle attrazioni locali o degli eventi importanti. In questo caso sarà il territorio e la sua cultura a dettare gli argomenti, ecco perché è fondamentale conoscerlo profondamente per trasferire le emozioni che è in grado di dare.

Riassumendo, abbiamo introdotto i cinque aspetti fondamentali per far crescere la visibilità di un sito web su un qualsiasi motore di ricerca. La SEO è come un puzzle composto da numerosi pezzi, dove il risultato finale della performance complessiva è dato da tanti piccoli tasselli che non possono essere trascurati. 

Tutto questo si può fare per conto proprio? Sicuramente si, ma se dal sito dipende gran parte del fatturato della tua azienda, come per le strutture ricettive, allora è necessario affidarsi ad un partner tecnologico in grado di fornire i migliori strumenti e consigli per rendere più efficaci le strategie del management. 

Delegare completamente una funzione strategica come quella del marketing e delle vendite è sbagliato, perché questa dipenderà sempre dai valori e dal posizionamento del brand. Occorre un riposizionamento? Benissimo, ma non è possibile farlo senza l’albergatore che costituisce l’anima della struttura, altrimenti tanto varrebbe darla in gestione senza farsi coinvolgere.

E tu, hai bisogno di un partner tecnologico per realizzare ogni tua strategia?

Chiedi subito ai nostri esperti!

Contattaci subito!

Scritto da:

Pubblicato il: 7 Marzo 2022

Filed Under: Approfondimento, Content Marketing, News, SEO, Turismo, Web Marketing

Visite: 314

Tags: , , ,

Lascia un commento