#metasearchbasics: le prime nozioni per una corretta strategia

Booking Engine, OTA, Metasearch. Vendere online non è mai stato così semplice, ma proprio perché il mercato offre tante opzioni, la migliore strategia possibile è quella che tende a bilanciarne l’uso per massimizzare il profitto.

Non può esistere un mercato dominato da un canale unico, per il semplice fatto che, con il tempo, il mercato stesso tenderebbe a far emergere un competitor per equilibrare i rapporti di forza.

Detto questo, la logica alla base di qualunque strategia di disintermediazione è sempre la stessa: puntare ad aumentare le prenotazioni dirette, sfruttando la visibilità che canali del calibro di Booking.com e Google sono in grado di offrire.

OTA vs Metasearch

Qual è il canale migliore sul quale investire? “Investire” è la parola chiave, perché se l’evoluzione della tecnologia determina nuovi strumenti, che a loro volta modellano le condizioni economiche rivolte al mercato, effettuare sistematicamente una valutazione Costo/Beneficio, è l’unica risposta che possiamo darti. 

Per inciso, allo stato attuale, i metasearch danno maggiori garanzie.

Attenzione!

Non ti stiamo dicendo di abbandonare le OTA, ma solo razionalizzare la distribuzione degli investimenti per avere il miglior ritorno possibile, un argomento al quale arriveremo.

Partiamo intanto con le due differenze fondamentali:

  1. Una Online Travel Agency (OTA) è un canale di prenotazione, mentre un Metasearch è un aggregatore di offerte che facilità la comparazione dei diversi canali di prenotazione, reindirizzando l’utente su quello prescelto (OTA o diretto);
  2. Con le OTA la relazione con il cliente è completamente demandata a loro, una dinamica operativa che non avviene con i Metasearch, “semplici” comparatori di tariffe sui diversi canali;

Quando qualcuno cerca una tariffa su un metasearch, sarà libero di selezionare quella migliore per essere reindirizzato sul canale che la propone.

Quale dovrebbe essere secondo te il canale che dovrà spiccare per intercettare il potenziale cliente? 

Non c’è occasione migliore per ribadire quanto sia importante il Booking Engine per una struttura ricettiva. Uno strumento performante, facile da utilizzare per ogni tipologia di cliente e con qualunque device, sicuro e, soprattutto, con un ottimo rapporto costo/beneficio… ogni riferimento al nostro HotelEasyReservation è decisamente voluto?

Come funziona un metasearch?

Offrire la tariffa migliore sul proprio Booking Engine non ti posiziona davanti gli altri canali, a meno che non paghi.

Lo strapotere delle OTA, in termini di investimenti pubblicitari, è tale che nove volte su dieci (se non dieci su dieci), appariranno, con la tua struttura, prima di te.

I principali metasearch sono Google, Tripadvisor, Kayak e Trivago, ognuno con un proprio modello di business pubblicitario.

Normalmente, il sistema utilizzato per garantirsi le posizioni migliori è quello “ad asta”, quindi chi offre di più per mostrare una determinata offerta  in un determinato periodo, appare prima di tutti.

Senza girarci intorno, Google è oggi il primo metasearch del mercato.

Le condizioni necessarie per competere con le OTA nel principale metamotore di ricerca alberghiero, sono diverse, alcune di natura tecnica, altre inerenti la tipologia di offerta.

Innanzitutto, per poter partecipare ad un’asta devi assicurarti di:

  1. essere partner di Google Hotel Center;
  2. inviare correttamente le tariffe per ogni data, affinché incontrino esattamente la richiesta del potenziale cliente;
  3. esporre le tariffe con il dettaglio di tasse ed eventuali commissioni;

Senza queste condizioni, tralasciando quelle ovvie legate all’impostazione di un budget sufficiente o ad un account impossibilitato a operare per violazioni sulle politiche di prezzo, Google non ti riterrà idoneo per partecipare ad un’asta.  

Detto questo, quando entriamo nel campo qualitativo, i parametri da considerare per attrarre un potenziale cliente con un’offerta mirata sono molti di più.

Come riporta il supporto Google “Puoi adeguare l’offerta in base a fattori quali località del viaggiatore, tipo di dispositivo, durata del soggiorno, giorno del check-in, tipo di data, finestra per prenotazione anticipata ed elenco del segmento di pubblico.”, una serie di fattori che, nella maggior parte dei casi, complicano decisamente la pianificazione di un’efficace strategia di marketing.

Pronto per iniziare?

Avrai capito che non puoi rinunciare ad uno strumento utilizzato da più del 70% degli utenti online per reperire informazioni sulle offerte di una struttura, in un determinato territorio, per un periodo specifico.

Ci devi essere, punto!

Seconda considerazione: fatti aiutare.

Puoi rivolgerti a noi di HotelNerds, sia per gli aspetti tecnici che qualitativi, ma, in ogni caso, è molto difficile pianificare prima e gestire internamente poi, una o più campagne online.

Soprattutto, devi considerare che, alla luce dei tanti canali indiretti a tua disposizione, dovrai investire su quelli con il tasso di conversione migliore, assicurandoti, al contempo, di avere un sito web progettato per finalizzare la prenotazione.

Creare offerte efficaci sui metamotori, in grado di reindirizzare sul canale diretto la maggior parte dei visitatori, non ha valore se il tuo sito non è in grado di sedurli e convincerli, trasformandoli in clienti.

Occupati delle offerte e della strategie tariffaria migliore, al sito web, al booking engine e all’analisi della distribuzione degli investimenti pubblicitari (con HotelFluidAds e la nostra Intelligenza Artificiale) ci pensiamo noi di HotelNerds.

Vuoi pianificare la tua strategia di vendita online?

Clicca e chiedi un consiglio a noi di HotelNerds

Contattaci subito!

Scritto da:

Pubblicato il: 15 Giugno 2022

Filed Under: Web Marketing

Visite: 357

Tags: , , ,

Lascia un commento