La tecnologia sta cambiando la percezione del viaggio

La tecnologia sta cambiando il mondo. Colpisce le nostre vite, i nostri lavori e il modo il cui ci percepiamo l’un l’altro. La sua crescita ha un enorme impatto su tutti i settori, poiché cambia radicalmente il funzionamento e le aspettative di un sistema in riflesso alle esigenze dei clienti e il settore dei viaggi non fa eccezione.

Prenotazioni online

Uno dei cambiamenti più radicali a causa dello sviluppo tecnologico ha interessato le prenotazioni, specialmente in tema di ospitalità. Una volta si trattava di telefonate e semplici ricerche in loco ma con l’arrivo di Internet tutto è cambiato. Le informazioni sugli hotel sono diventate improvvisamente molto facili da reperire, rendendo la ricerca di un alloggio meno difficile e alla portata di tutti. Chiunque abbia accesso al web ora può andare online e trovare un hotel attraverso una selezione di caratteristiche ben definite, scegliendo tra quelle a lui più congeniali. Tuttavia nulla ha influenzato questo aspetto del settore dell’ospitalità quanto le OTA.

L’intero processo è diventato significativamente più semplice e veloce; i viaggiatori non devono più conoscere anticipatamente il nome del hotel ma inserire il nome della città e le date per visualizzare migliaia di opzioni tra cui scegliere. Questo nuovo canale di distribuzione ha sia vantaggi che svantaggi; aiuta gli hotel a raggiungere un pubblico più ampio posizionandoli all’interno di un unico elenco in cui confrontare le tariffe delle camere più convenienti, rendendo la ricerca significativamente più facile e intuitiva, oltre ad accelerare l’intero processo di ricerca e prenotazione.

Il rovescio della medaglia riguarda però una serie di criticità legate proprio alle OTA, che hanno iniziato ad usare e ad abusare del loro potere creando accordi di parity rate spesso scorretti, aumentando talvolta le commissioni fino al 30% per gli hotel presenti sulla piattaforma. Gli albergatori hanno però capito come bypassare l’intermediazione delle OTA attraverso la creazione di un proprio sito web sul quale reindirizzare tutte le prenotazioni, offrendo tariffe più vantaggiose, sconti accattivanti e servizi aggiuntivi rispetto a quelli visibili sulle varie piattaforme che devono sottostare alle regole di parity rate e che portano via gran parte del fatturato di una struttura alberghiera.

Biglietti cartacei: uno strumento del passato?

La fase successiva alla prenotazione prevedeva il raggiungimento della sistemazione scelta che era accompagnata dalla coscienza, insita in ogni viaggiatore, che sarebbe stata una fase del viaggio abbastanza complicata. Prendere tutti i biglietti e le carte d’imbarco, superare le lunghe code e l’infinito controllo di sicurezza solo per aspettare di salire sull’aereo con dozzine di altre persone. Tutto questo richiedeva un’eternità e risultava estremamente irritante. Le compagnie aeree e il  personale dell’aeroporto hanno preso coscienza di queste difficoltà e stanno cercando di semplificare il processo dei controlli di sicurezza; attraverso un sapiente uso della tecnologia sono infatti stati messi a disposizione dei viaggiatori scanner automatici che in pochi minuti effettuano il controllo velocizzando il processo e garantendo un notevole risparmio di tempo.

Molto probabilmente, in un futuro non troppo lontano, i biglietti cartacei e persino i passaporti non saranno più necessari e diventeranno un lieto ricordo del passato. Tutti ciò che servirà saranno le proprie impronte digitali e la propria faccia. Il riconoscimento facciale sta diventando un aspetto e una garanzia di sicurezza sempre più popolare, tanto da essere applicata anche a strumenti di uso comune come gli smartphone. Presto non ci si dovrà più nemmeno fermare durante l’attraversamento di un aeroporto: le porte si apriranno nel momento in cui verrà riconosciuto il viso del viaggiatore e confermato il tuo stato di passeggero. Le telecamere scandaglieranno i tuoi bagagli per assicurarsi che non vengano trasportate cose non consentite a bordo e se verranno individuate, lo staff dell’aeroporto ti intercetterà chiedendoti di rimuoverle.

Robot: nuovi addetti alla reception?

In tema di ospitalità facendo un passo all’interno degli hotel, la robotizzazione nella fase di accoglienza e mantenimento dell’organizzazione interna sembra essere una concreta prospettiva del futuro. L’ottimismo sull’idea che i robot sempre più simili agli umani ci saluteranno quando entriamo nell’hotel, serviranno il nostro cibo nel ristorante in cui abbiamo deciso di cenare e puliranno le nostre camere, è sempre più presente nelle menti degli albergatori. Molti tuttavia rimangono scettici, anche se il processo di robotizzazione è già iniziato. Tutti i tipi di dispositivi sono ora più “intelligenti” e più reattivi che mai. La famosa Alexa o controparte Siri rappresentano l’esempio più calzante di assistente digitale e tracciano la direzione verso la quale lo sviluppo tecnologico  sembra orientarsi.

Al momento l’intelligenza artificiale viene utilizzata da uomini in diversi contesti e nella fase di accoglienza della reception può assumere un ruolo di supporto importante.  Ma come verrà modificato il ruolo di un addetto alla reception in futuro? I robot imiteranno gli umani e saranno in grado di svolgere qualsiasi compito con la stessa efficienza di un uomo?

Camere “smart”

Anche le camere degli alberghi stanno attraversando un fase di enorme cambiamento grazie allo sviluppo tecnologico. Il termine “hotel intelligente” sta diventando sempre più d’uso comune. Oggi si ha la possibilità di controllare tutto ciò che accade nella propria stanza con la voce come per esempio l’ora della sveglia, la temperatura, l’umidità, la luminosità e la fermezza del materasso. Ma la tecnologia applicata alle camere va ben oltre: puoi chiedere alla tua camera(si, alla camera e non allo staff dell’hotel) di riprodurre musica, accendere le luci, fare un caffè o preparare un’intera colazione, creare un bagno di schiuma, aprire le tende o ordinare il tuo pranzo. Tutti i segnali indicano che siamo solo agli inizi, ma immaginare un futuro in cui le camere conoscano tutte le esigenze e le particolarità dell’ospite prima ancora che arrivi non sembra poi così lontano.

 

Scritto da:

Pubblicato il: 6 Aprile 2018

Filed Under: Approfondimento, News

Visite: 1034

Tags: , , , ,

Lascia un commento