L’importanza del Visual Storytelling per il tuo Hotel Marketing

Il visual storytelling è l’arte di raccontare storie usando le immagini. Una tecnica originale e divertente per informare gli utenti e colpire il target di riferimento. Negli ultimi anni il visual storytelling viene utilizzato nelle strategie di marketing di vari settori, tra cui quello alberghiero.

Questa tecnica di narrazione visiva si è fortemente ampliata per sostenere un’importante prova: imporsi nell’incalzare di notizie, immagini, storie che ogni giorno ci tempestano.

Oggi con l’utilizzo di dispositivi mobili come smartphone e tablet, la costante crescita di social media come Facebook o Instagram, l’apertura di blog e pagine siamo ormai entrati, a pieno titolo, nell’era visual.  Il motivo del grande successo di questa nuova tecnica di narrazione è da ricercare nella circostanza che le immagini vengono elaborate dal nostro cervello in modo molto più rapido rispetto ad un testo. L’occhio umano può tranquillamente non soffermarsi su un testo ma non può non prendere in considerazione un’immagine, soprattutto se questa è persuasiva ed è in grado di suscitare un’emozione in colui che la visualizza.

A tutto ciò è da aggiungere il fatto che l’attenzione degli utenti si è notevolmente abbassata passando, negli ultimi anni, da dodici ad otto secondi il che vuol dire che diventa fondamentale colpire l’utente in maniera incisiva e in pochissimo tempo per riuscire a distinguersi dagli altri competitor. Un’altro aspetto molto importante e sicuramente da non sottovalutare è quello emotivo, ossia connettersi emotivamente con i potenziali clienti attraverso le giuste immagini e storie può davvero fare la differenza in una strategia di marketing che si rispetti.

Visual storytelling per hotel: la nuova strategia di marketing per il consumatore visivo

Non basta più solo informare i consumatori ma occorre narrare una storia che li convinca e li faccia emozionare. Il settore del turismo è un campo ad alto indice emozionale poiché nella sua intoccabilità si realizza solo al momento del consumo e di conseguenza è fortemente connesso all’emotività della situazione.

Inoltre, la vita eccessivamente frenetica di tutti i giorni porta ognuno di noi ad aver notevolmente abbassato la soglia di attenzione ed interesse nei confronti del carico eccessivo di dati e notizie sia online che offline. Di conseguenza un’informazione strettamente commerciale non riesce più a conquistare i potenziali clienti, che vogliono invece essere attirati il più rapidamente possibile da un contenuto interessane ed empatico.

Se impiegata nella maniera corretta la narrazione costituisce un influente strumento di stimolazione della fantasia, offrendo l’opportunità di realizzare una storia e promuovere un argomento di senso. Nel visual storytelling diventa fondamentale dare un taglio proprio e specifico alle informazioni che intendiamo dare.

Come impostare un visual storytelling di successo

Un qualsiasi hotel che voglia ricorrere al visual storytelling come strategia di marketing deve come prima cosa partire da sè stesso, da ciò che è in grado di offrire, dall’unicità dell’esperienza che può garantire e da quello che intende raccontare. Ogni storytelling deve far coesistere al suo interno due parti: una emotiva che stimola la sfera affettiva e una prettamente informativa.

Occorre poi soffermarsi e scegliere il giusto linguaggio per il proprio testo con tanto di immagini o video di qualità, costruendo così la storia che s’intende raccontare. Fermo restando che poi ogni utente darà un’interpretazione del tutto personale a ciò che sta guardando. Assolutamente imprescindibile in ogni visual storytelling che si rispetti è la creazione del desiderio negli ospiti. Stuzzicare con la propria storia i clienti e lasciarli sognare è uno degli ingredienti principali per portarli a cliccare sul sito aumentando il numero di prenotazioni.

Ricordiamo infine uno degli aspetti principali del visual storytelling ossia la scelta dei giusti canali e delle piattaforme social sui quali diffondere la narrazione della vostra storia. I social network sono dei veri e propri falò digitali in cui la gente si riunisce per ascoltare le varie narrazioni, conversare, interagire e condividere.

Che si scelga Facebook piuttosto che Instagram o Pinterest, l’importante è che il visual storytelling venga fatto tenendo in considerazione i connotati del canale scelto e l’atteggiamento della community di riferimento.

Visual storytelling: l’importanza dei social

Nel marketing pubblicitario delle strutture ricettive e dei viaggi una delle tendenze principali di quest’anno è il video sui social media. Attraverso l’utilizzo di canali social come Youtube o Instagram si stimolano gli utenti a prenotare viaggi sia spontanei che programmati.  Nel 2019 il 54% delle campagne di marketing per hotel sarà pianificato attraverso l’utilizzo della pubblicità su Youtube, il 50% su Instagram Stories e il 49% su Facebbok Stories al fine di coinvolgere attivamente i viaggiatori.

L’utilizzo di dispositivi mobili che ognuno di noi fa, in qualsiasi momento della giornata, offre alle strutture ricettive l’opportunità di raggiungere i potenziali clienti in qualunque posto essi si trovino e in qualsiasi occasione. Un modo semplice e veloce per ispirare i clienti su dove andare, cosa visitare e conseguentemente prenotare.

Il video programmatico: la nuova frontiera del visual storytelling

Con il nuovo anno sono sempre di più gli hotel che stanno adottando un approccio decisamente più mirato per narrare la propria storia. Questa tecnica, che rappresenta la nuova frontiera dell’hotel marketing è il video programmatico che consente di definire il proprio mercato di riferimento e pubblicare video accattivanti fondati su dati comportamentali.

Questi tipi di video permettono di sfruttare i dati più aggiornati così da mostrare la pubblicità giusta in un dato momento.  I viaggiatori consumano informazioni attraverso l’utilizzo di vari dispositivi mobili e i video programmatici permettono di raggiungerli in qualsiasi momento incentivandoli a prenotare.

Quando si parla di video programmatici sono due le parole chiave: dati e target. In base a complessi algoritmi vengono studiati i comportamenti online dei consumatori fornendo così un accurato target della pubblicità, su base sia demografica che comportamentale.
In aggiunta, c’è l’enorme vantaggio di avere una campagna pubblicitaria ottimizzata in tempo reale.

Sostanzialmente la grande potenzialità del video programmatico è quella di mostrare un certo contenuto all’utente potenzialmente interessato nel preciso momento in cui vuole vederlo. Questa nuova forma di pubblicità è in continua espansione anche perché permette ai professionisti del marketing di trasmettere il messaggio giusto, alle persone giuste e nel momento giusto.

Rispetto all’anno scorso c’è stato un incremento del 70% nel suo utilizzo ed è destinato a crescere sempre di più, basta solo creare dei contenuti accattivanti e delle visual storytelling ad alto tasso emotivo.

Scritto da:

Pubblicato il: 3 Maggio 2019

Filed Under: News

Visite: 406

Tags: ,

Lascia un commento