La tecnologia: il futuro del Business Travel

Il Business Travel è ,da sempre, un’ industria di successo che sostiene moltissime aziende e organizzazioni nel mondo. Negli ultimi due decenni, è diventato un settore multimiliardario.Secondo la società McKinsey, la spesa per i viaggi business ha raggiunto un picco di 1,4 trilioni di dollari nel 2018, due anni prima della crisi sanitaria globale.

Si prevedeva che sarebbe aumentata ancora di più perché l’economia era in crescita e il commercio internazionale si era irrobustito, nonostante la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ma con l’era della pandemia l’economia globale, le imprese, lo stile di vita e le relazioni sociali sono cambiate.

Il 21° secolo sarà ricordato solo come l’era pre-COVID-19 e post-COVID-19.

Restrizioni di viaggio e allontanamento sociale

Con i governi che impongono restrizioni di viaggio e misure di allontanamento sociale, i viaggi business nazionali e internazionali hanno subito un duro colpo.

Mentre alcune aziende prosperano, si adattano e si evolvono attraverso la crisi, ci vorranno anni prima che le aziende gravemente colpite, specialmente nell’industria dell’hospitality, del turismo e dei viaggi, si riprendano.

Si pensa che alcune, potrebbero non riprendersi mai!

Il Covid potrebbe aver trasformato il business in modo permanente, più di quanto pensiamo. I protocolli di sicurezza sanitaria hanno reso le aziende capaci di reinventarsi e di trovare nuovi modi per monitorare le loro entrate.

Le videochiamate, le chat e le videoconferenze, per esempio, hanno permesso a tutte le aziende di tenersi in contatto con i loro clienti. I webinar, in particolare, hanno aiutato i manager a tenersi in contatto, a dare direttive e ad informare il loro personale.

Qualsiasi accordo, trattativa, riunione che prevedeva uno spostamento fisico si trasforma in una comoda videochiamata da casa. Un vero e proprio incremento dell’uilizzo dei mezzi online.

I lavoratori non hanno più dovuto fare i pendolari per svolgere i loro compiti e le loro responsabilità e, tutto sommato, dopo essersi abituati a questa nuova realtà, non è risultata una pratica scomoda, anzi.

Tutte le aziende si sono lentamente abituate alla “nuova normalità” di lavoro e questo ha permesso di tracciare una linea chiara e distintiva tra ciò che è essenziale e cosa no, tra quello che è una preferenza e cosa invece è una reale necessità.

Ma, mentre il mondo del business si evolve e riflette sulle nuove possibilità di lavoro, rimane chiara l’esigenza per molti lavoratori di un ufficio dove lavorare, anche se a distanza.

Ecco qui che entra in gioco il settore alberghiero.

Viaggi d’affari nazionali e internazionali

Quando i paesi hanno iniziato ad allentare le restrizioni, i viaggi leisure nazionali hanno avuto una rinascita, mentre i viaggi business hanno continuato ad essere in una posizione difficile.

La società McKinsey contestualizza: “ci sono voluti cinque anni perché i viaggi d’affari internazionali si risollevassero dopo la crisi finanziaria del 2008-2009. Con la pandemia, che ha sconvolto le economie di tutto il mondo, ci vorrà più tempo per recuperare e probabilmente, in modo diverso.

I viaggi business nazionali e regionali saranno i primi a riprendersi quando sarà più sicuro incontrare di persona i clienti, ma quelli internazionali non torneranno come prima nel breve periodo. La spesa per i viaggi d’affari nel 2021 sarà più bassa del 50% rispetto al livello pre-pandemia del 2019.”

Un nuovo approccio al Business

A causa dei diversi protocolli sanitari e delle restrizioni imposte nei diversi paesi, e con una disponibilità di tecnologie di comunicazione sempre più elevata, le riunioni di lavoro in “presenza” sono ridotte allo stretto necessario.

Un incontro fisico, faccia a faccia, può essere dispendioso in termini di tempo e di costi. L’uso della videoconferenza e di altri strumenti di collaborazione è più economico e sicuro e potrebbe ridurre definitivamente il mercato dei viaggi business.

La tecnologia nell’industria dei viaggi

Più difficoltosa è la ripresa del settore dei viaggi business, più le aziende e gli albergatori cercano soluzioni innovative per gestire le loro entrate. Il compromesso sta proprio nel migliorare gli strumenti tecnologici.

Sempre più aziende stanno sfruttando la tecnologia per migliorare i loro processi, la comunicazione, la gestione dei dati, le operazioni e i servizi.

Nel settore dei viaggi business sono apparse nuove tendenze come l’automazione dei processi, l’intelligenza artificiale (AI), la realtà virtuale, gli assistenti intelligenti e le tecnologie blockchain, che le aziende utilizzano per rimanere competitive in un ambiente commerciale in rapido cambiamento.

L’automazione dei processi è ormai un must have nel business, perchè offre una serie di soluzioni per il settore, dalla prenotazione di voli o hotel alla pubblicità e alle informazioni in tempo reale, che rendono la gestione dei viaggi semplice, meno costosa e più efficiente.

L’AI diventa fondamentale in molte iniziative di automazione, che cambieranno drasticamente le industrie, compresa quella dei viaggi. L’ AI aiuta gli operatori e i fornitori di viaggi a capire il comportamento e le preferenze dei viaggiatori, può prenotare voli o hotel e persino fornire informazioni dettagliate sull’itinerario del viaggio organizzato.

La realtà virtuale permette ai viaggiatori di personalizzare le preferenze delle loro camere d’albergo o di avere un’esperienza virtuale prima dell’arrivo alla destinazione. È una tendenza promettente che trasformerà l’industria dei viaggi e la natura di questo segmento.

I protocolli di sicurezza integrati che il blockchain fornisce saranno preziosi per i viaggiatori d’affari. Aiuterà a garantire un’esperienza di viaggio sicura e conveniente. Le compagnie di viaggio, gli hotel e le compagnie aeree che basano le loro strategie sulle informazioni ottenute dai clienti, beneficeranno della sicurezza fornita dalla tecnologia blockchain.

Decentrando la sicurezza dei dati attraverso una catena di blocchi sicuri e permanenti, le informazioni aziendali saranno sicure e protette. Il Blockchain apre anche la strada alle criptovalute per guadagnare lentamente trazione nei pagamenti online di hotel, compagnie di viaggio e compagnie aeree.

Il futuro dei viaggi d’affari

Per i viaggi leisure, in conclusione, sarà facile abbracciare le ultime tendenze tecnologiche, per quelli business invece, sarà decisamente più complicato. Non parliamo più di un aggiunta di mezzi ed elementi in soccorso alla situazione pandemica, ma un cambio drastico che farà rinascere il settore del business travel.

La tecnologia in questo caso, è allo stesso momento la protagonista e l’antagonista della situazione, perchè da una parte, consente al settore turistico di evolversi in maniera tale da rendere l’esperienza di soggiorno più facile, intrigante e rapida, e dall’altra allontana ogni lavoratore da un possibile viaggio aziendale.

Con gli strumenti di comunicazione e collaborazione, gli affari si faranno online e le riunioni in stanze virtuali. Forse gli incontri fisici saranno dedicati alla socializzazione, a stabilire relazioni d’affari più profonde e a firme cerimoniali.

Il futuro del business travel sarà diverso dal passato. Quando riprenderanno in volume, saranno probabilmente combinati con il tempo libero.

Ma tranquilli albergatori! Viaggiare è profondamente radicato nella cultura umana. Il desiderio di esplorare luoghi, imparare nuove culture e incontrare persone in ambienti stranieri rimane il motore principale dei viaggi leasure e business. Questo potrebbe rivelarsi un fattore chiave  nella costruzione di nuove strategie per i vostri hotel.

 

Vuoi aumentare le vendite dirette sul tuo sito?

Scopri di più sul nostro sito Hotel Nerds Solutions!

Scopri di più!

Scritto da:

Pubblicato il: 14 Luglio 2021

Filed Under: Il Boss dei Nerds, News

Visite: 247

Tags: , ,

Lascia un commento