Ecco alcuni suggerimenti per far ripartire al meglio il tuo hotel senza restare indietro!

La pandemia di coronavirus ha colpito il settore del turismo in modo importante. Soltanto in Italia, in relazione al periodo da marzo a maggio, ci sono stati 30 milioni di turisti in meno, per una perdita complessiva di 7 miliardi di euro per gli hotel. Proprio per questo è fondamentale ripartire al meglio per trovarsi in prima fila durante la ripartenza del mercato.

Le prime stime, che fanno riferimento all’intero settore (che comprende quindi trasporti, shopping, ristorazione e musei), parlano di danni fino 120 miliardi di euro nell’anno solare 2020. Una mazzata enorme per l’industria turistica, uno dei fiori all’occhiello del Paese.

Per molti albergatori ripartire non sarà semplice. Dopo l’avvento della fase 2, con la liberalizzazione degli spostamenti tra regioni e l’apertura delle frontiere, qualcosa si è mosso ma la strada è ancora lunga.

Lo testimonia il fatto che diversi albergatori hanno deciso di restare chiusi durante l’intera stagione estiva, tenendo conto del rapporto costi-benefici. A seguire trovate alcuni utili suggerimenti per tornare ad avere successo nel post covid-19, così da lasciarvi alle spalle un periodo che difficilmente potrà essere dimenticato dalla popolazione.

Definire una strategia a prova di recessione in base ai dati raccolti negli ultimi anni

Nella vita bisogna avere sempre una strategia, un percorso da seguire, e possibilmente fare di tutto per inseguirlo e raggiungere la meta che si è prefissati all’inizio. Oggi il fine ultimo di qualsiasi strategia per gli albergatori deve essere quello di riuscire a trarre profitti più elevati durante il periodo di crisi che si protrarrà per tutto il 2020 e con ogni probabilità anche nei primi mesi del nuovo anno.

Di recente il Fondo monetario internazionale ha stimato un taglio del Pil in Italia superiore al 12%, confermando in toto le previsioni più pessimistiche di Bankitalia (-13%). Altri rapporti parlano di oltre 200 milioni di posti di lavori tagliati.

In una situazione simile è facile intuire come non sia semplice agire per gli albergatori. Il consiglio è di isolarvi da tutto, cercando di pensare razionalmente e definire una precisa strategia basata sui dati raccolti negli ultimi anni con gli ospiti presenti in struttura. Vi sarà di grande aiuto per porre solide fondamenta per riuscire poi a riguadagnare fiducia nei prossimi mesi.

Focus sul profitto

In un periodo di recessione come questo, la strategia di un hotel dovrebbe basarsi non tanto sul numero di entrate e su metriche come ad esempio il RevPAR (Revenue Per Available Room), bensì sul GOPPAR (acronimo di Gross Operating Profit Per Available Room).

Il primo indica il fatturato generato per camera disponibile, la seconda metrica invece definisce l’utile operativo lordo per camera disponibile. Quest’ultimo è sicuramente un indice migliore per valutare in modo più efficace le prestazioni.

Ottimizzare le operazioni

Un altro punto fondamentale della vostra strategia dovrebbe essere il miglioramento delle operazioni. A cosa ci stiamo riferendo? In estrema sintesi, alla riduzione dei costi operativi e al contemporaneo aumento della produttività.

Di fatto il vostro focus dovrebbe concentrarvi in questi prossimi mesi nei servizi che realmente sono redditizi per l’albergo e il fatturato, e quali invece possono essere sospesi al fine di recuperare denaro utile da reinvestire magari per migliorare le attività che generano una redditività maggiore. Si tratta della migliore strategia possibile da adottare in questo determinato periodo storico, in cui dovete fare i conti con un numero di entrate inferiore rispetto a quelle del passato.

Dare la priorità alla sicurezza ed esperienza del cliente

Mai come l’estate 2020 la priorità dell’hotel deve essere focalizzata sulla sicurezza e l’esperienza di soggiorno del cliente, complici le misure restrittive e il protocollo da seguire in relazione al rischio di contagio.

Vi consigliamo di puntare soprattutto sulla realizzazione di dispenser con igienizzanti all’ingresso e all’uscita dell’albergo, così da assicurare la massima igiene all’interno della struttura. Inoltre dovreste puntare sui sistemi di pagamento self service, senza per questo eliminare in via definitiva il contante.

Ciò aiuterà anche a offrire un grado di soddisfazione più elevato agli ospiti dell’hotel, dal momento che sono sempre di più alla ricerca dell’indipendenza anche durante le loro vacanze. Potreste poi consentire agli ospiti dell’hotel di ordinare tramite app mobile alimenti e bevande, potenziando poi altre funzioni legate sempre al servizio in camera.

L’importanza dei dati per definire la strategia migliore nel post covid-19

In conclusione: gli albergatori che riusciranno a capire l’importanza dei dati saranno sicuramente agevolati nel riuscire a superare il difficile momento legato all’emergenza della pandemia, venendo premiati rispetto ad altri proprietari di albergo che si dimostreranno meno lucidi.

Mettendo in pratica questi utili suggerimenti, averete una solida base di partenza per aumentare i vostri ricavi in vista di una ripartenza del mercato turistico, che per molti è già iniziata.

Scritto da:

Pubblicato il: 27 Giugno 2020

Filed Under: Approfondimento

Visite: 382

Tags: , , , ,

Lascia un commento