Hotel & SEO: come aumentare le visite da ricerche organiche

Il concetto di SEO può essere difficile da comprendere e soprattutto da attuare, ma nonostante tutto rimane una delle strategie più importanti per determinare il successo di qualsiasi sito presente su Internet.

I meno esperti potrebbero confondere il SEO con il cosiddetto keyword stuffing, ovvero il riempimento di un sito Internet con una grande quantità di parole chiave da posizionare sui motori di ricerca. Per molti anni il SEO si è contraddistinto per trucchi e stratagemmi, spesso poco trasparenti, mirati a guadagnare in qualunque modo posizioni sui principali motori di ricerca, ma negli anni la situazione è cambiata radicalmente.

Per SEO, secondo la Treccani, si intende:

Search engine optimization, attività finalizzate all’ottimizzazione di un sito web con l’obiettivo di migliorarne il posizionamento sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca, quindi la visibilità.

Fondamentalmente quindi le attività di Search Engine Optimization hanno l’obiettivo di fare in modo che un utente interessato alla nostra tipologia di prodotto o servizio abbia più probabilità di trovarci sui motori di ricerca. A spiegare bene la situazione è Adam Deflorian, CEO di AZDS Interactive Group:

In passato la prima cosa che Google verificava era il numero di backlinks. Le persone tentavano di far pubblicare un link all’hotel sul sito di qualche editore. Google se ne accorse e iniziò a cambiare le cose: non prese più come riferimento la quantità di backlinks, iniziando a perseguire lo spam sul web e a penalizzare i siti web riducendone il ranking.

Ma allora cosa può fare un hotel per tentare di migliorare il proprio ranking e aumentare le visite da ricerche organiche? Qui di seguito vi proponiamo alcuni suggerimenti. Naturalmente le tecniche SEO sono molto più ampie e complesse, ma abbiamo voluto comunque proporre alcuni suggerimenti pratici per semplificare la comprensione dei requisiti chiave.

1. Rendi il sito mobile-friendly

Recentemente Google ha modificato il proprio algoritmo per migliorare il posizionamento dei siti mobile-friendly. Il cosiddetto Mobilgeddon ha avuto l’obiettivo di premiare i siti web responsive o adaptive per i dispositivi mobile.

Con questo nuovo aggiornamento il fattore più importante è la user experience. Come segnalato da Aalap Shah di SoMe Digital Media “l’utilizzo mobile è al 20%/30% e circa il 60% per il settore dell’ospitalità. La user experience è il fattore più importante per Google“.

2. Assicurati che i dati siano coerenti

E’ importante assicurarsi che le informazioni del proprio hotel siano le stesse su tutte le pagine del sito. Scrivere “P.zza” al posto di “Piazza” può infatti “confondere” i crawler di Google e per questo è fondamentale evitare qualsiasi incoerenza tra i dati.

3. Sfrutta le parole chiave

Secondo quanto riportato da Shah di SoMe Digital Media è fondamentale utilizzare le parole chiave in modo adeguato senza inserirle indistintamente all’interno della pagina:

Il mio consiglio è di utilizzare da 3 a 5 parole chiave principali da proporre in ogni pagina. In generale consiglio di utilizzare l’hotel, il brand e altre parole chiave come ciò che si trova nelle vicinanze.

4. Content is king

Come avrete sicuramente letto in più occasioni, i contenuti sono il fattore più importante per un sito Internet. L’obiettivo è coinvolgere i visitatori e aumentare il tempo di permanenza sul sito, migliorando il ranking e portando nel complesso ad una maggiore quantità di prenotazioni, come evidenziato da Layne Matthews, direttore del settore marketing e e-commerce di Peachtree Hotel Group:

Un copy di qualità su un sito è un fattore chiave, ma non deve essere troppo lungo. Più è lungo il testo, più la valutazione di Google sarà negativa in quanto l’attenzione è sempre minore. La cosa più importante è utilizzare le giuste parole nel minor testo possibile.

Anche i video non devono essere trascurati:

Fino a poco tempo fa erano poco diffusi a causa della lunghezza e della bassa qualità. L’importante è avere video di alta qualità. Devono essere un’esperienza da vedere e l’obiettivo è tentare di comunicare ciò che vogliamo senza utilizzare parole. La chiave è connettersi emotivamente al pubblico e farli sentire come se appartenessero al tuo hotel.

Scritto da:

Pubblicato il: 8 Febbraio 2016

Filed Under: Guida, Web Marketing

Visite: 2283

Tags: , , ,

Lascia un commento