5 step per ottenere più prenotazioni dirette

Quello che vogliamo fare è incrementare le prenotazioni dirette online. In questi anni abbiamo visto che la competizione per il dominio online è esplosa con le OTA, che oggi sono diventate fra le più grandi società di marketing sulla terra in grado di spendere un’enorme quantità di denaro in pubblicità ogni anno. Negli ultimi sei anni ci sono stati un gran numero di cambiamenti online ed offline, ma abbiamo visto che i cinque capisaldi per raggiungere un vantaggio competitivo rimangono in gran parte gli stessi.

1. Presenza online coerente

La presenza online di un albergo ha un gran numero di punti di contatto online ed offline. I punti di contatto on-line possono riguardare:

  • Sito web
  • Booking Engine
  • TripAdvisor
  • Posizionamento OTA
  • Social media
  • Newsletter
  • Google Maps

Un potenziale ospite di solito s’imbatte in almeno tre o quattro di questi punti di prima di effettuare una prenotazione, quindi è essenziale che tutte le informazioni attraverso questi mezzi siano coerenti. Se la coerenza nelle informazioni è fondamentale, stesso discorso vale per la coerenza di marca ed il tono di voce. Se la vostra pagina di Facebook è molto gioviale ed informale e la vostra newsletter è scritta in linguaggio formale e magari è anche un po’ prosaica, allora i potenziali ospiti sperimenteranno una cosa chiamata dissonanza cognitiva, ovvero un uno scontro di significati diversi che li lascerà confusi.

Google ha recentemente dimostrato che gli ospiti in realtà visitano una media 21 diversi siti web prima di prendere le loro decisioni e l’87% di essi controllerà e sarà influenzato dalla presenza sui social media degli alberghi. Queste due statistiche combinate dimostrano che è assolutamente essenziale avere un un sito web accattivante, un approccio coerente ed olistico a tutte le manifestazioni online del brand per un alto tasso di conversione.

2. Metodi di prenotazione multipli

Cercare di soddisfare chiunque è spesso un modo sicuro per confondere le cose, ma se non offrite alle persone almeno un paio di modi diversi per prenotare rischiate di perdere prenotazioni. Come minimo un ospite dovrebbe essere in grado di:

  • Trovare chiaramente il numero di telefono per effettuare una prenotazione
  • Trovare chiaramente l’indirizzo email o un modulo di contatto
  • Prenotare online utilizzando un motore di prenotazione diretto

Si tratta naturalmente del minimo sindacale. Abbiamo tutti dei mezzi di comunicazione preferiti e lo stesso vale anche per i vostri ospiti. In base alle diverse fasce demografiche c’è chi ha più familiarità con un tipo di tecnologia o un altro: non lasciate che i vostri potenziali clienti facciano i salti mortali per prenotare!

3. Fate leva sulle OTA

Ci sono occasioni in cui abbiamo bisogno di fare un passo indietro dalla nostra insofferenza dei tassi di commissione del 20% e l’eccessivo potere che le OTA hanno sugli alberghi. Ma queste grandi aziende sono dannatamente brave in una cosa: nel marketing. Grazie a loro il vostro albergo è mostrato a un numero di persone significativamente superiore rispetto a quelle che avreste raggiunto da soli e questo non deve essere un aspetto negativo per le prenotazioni dirette.

Un gran numero di persone che visitano il vostro hotel su booking.com successivamente visitano il vostro sito web. Questa è un’opportunità per ottenere un numero maggiore di prenotazioni dirette! Troppo spesso infatti il cliente torna su una OTA a causa di processi di prenotazioni più rapidi e intuitivi.

4. Competete sul valore

A parte il prezzo, il vantaggio che avete sulle OTA riguarda le loro limitazioni sui vantaggi da offrire gli ospiti. Non c’è assolutamente nulla che vi possa impedire di pubblicizzare qualcosa come una colazione gratuita a coloro che prenotano direttamente o una bottiglia di vino a coloro che rimangono due notti. La ragione per la quale le OTA hanno preso il sopravvento è che il 76% degli ospiti davvero crede di poter ottenere di più attraverso loro. Ciò che dovete fare è dimostrare che non è così. È stato anche dimostrato che l’85% delle persone (Google, 2016) sono in realtà degli agnostici dei brand ed ogni volta che prenotano, prendono in considerazione diverse opzioni.

5. Adattatevi nel tempo

Anche se tutti i vostri sforzi sui quattro punti precedenti hanno generato successo nel breve termine, le prestazioni diminuiranno se trascurerete la vostra presenza online. I siti web sono cartelloni dinamici e non più cataloghi statici, vanno cioè aggiornati frequentemente. Il primo passo è quello di far sì che menù, gallerie ed altro testo siano sempre aggiornati. Non c’è niente di più frustrante per un possibile ospite di aspettative disattese ed informazioni errate.

Scritto da:

Pubblicato il: 13 Gennaio 2017

Filed Under: Guida, Web Marketing

Visite: 1856

Tags: , ,

Lascia un commento