Futuro del marketing: Marketing of care

Roma, Capri, le Maldive o Corfù? I viaggiatori stanno sognando la popria meta del cuore mentre la campagna dei vaccini avanza senza sosta e restituisce nuova linfa al settore turismo.

Presto assisteremo quindi alla rinascita del marketing dei viaggi e del turismo. Il tutto in un contesto nuovo e mutato, specialmente dal lato tecnologico. Per farla breve, il marketing turistico non tornerà a come lo conoscevamo in pre-pandemia.

Adattarsi al cambiamento è sempre stato parte di ciò che il destination marketing ha elegantemente fatto. L’industria ha più di un secolo di vita, dopo tutto.

Quindi coloro che lavorano e innovano nelle organizzazioni di destination marketing, nei ministeri del turismo e negli uffici e organizzazioni locali di tutto il mondo dovranno affrontare le speranze, le aspettative e le ansie di milioni di persone appena vaccinate che pianificano i loro viaggi.

I boomer – che sono, ironicamente, sia i più a rischio che i più importanti contribuenti all’economia dei viaggi e del turismo – avranno i loro problemi. Ogni coorte – famiglie con bambini piccoli, Gen Z, Gen X, millennials – avrà i propri desideri e bisogni.

Poiché ogni gruppo percepirà la sicurezza in modo diverso, l’industria avrà bisogno di un nuovo modo di comunicare la sicurezza, sia in senso lato che in senso stretto.
La “sicurezza” sarà ridefinita in un contesto completamente nuovo. I vecchi quadri e standard – criteri unidimensionali e non comparativi – saranno sostituiti dall’urgenza del “Marketing of Care”, un approccio moderno e integrativo al marketing turistico.

Cos’è il Marketing of Care?

Definiamo il Marketing of Care come la presentazione del fascino di una destinazione turistica attraverso una combinazione olistica di benefici che include dati iper-locali, così come fattori razionali ed emozionali. In altre parole, un’esperienza riconfigurata.

“Iper-locale” è la chiave; proprio come i suoni, i panorami e gli odori variano a seconda delle strade e degli isolati, così anche la sicurezza.

Il marketing della cura sarà eseguito attraverso un quadro che soddisfa tre requisiti essenziali: più espansivo, più personalizzato e più immediato di quello pre-pandemico.

Più espansivo

I marketer devono diventare sofisticati professionisti digitali che usano la ricerca e i social a loro favore, generando campagne di inclusivity e non-diversity.

Per costruire questo, sappiamo che i consumatori – specialmente i millennials – sostengono le aziende e i prodotti che riflettono i loro valori, che si preoccupano di ciò che conta per loro. Questo si estende ai luoghi che visiteranno, ed è per questo che il Marketing of Care includerà quanto una destinazione sia in grado di diffondere determinati valori.

Più personalizzato

Il secondo pilastro è la nuova era della personalizzazione. Il mondo digitale di oggi del marketing one-to-one può fornire messaggi di sicurezza rilevanti e iper-targettizzati a dozzine e dozzine di micro-costituzioni.
I marketer devono diventare professionisti digitali sofisticati che usano la ricerca, i social, il native – tutti gli strumenti del mondo dei media di oggi – per comunicare che quella struttura è una scelta di vacanza sicura, rassicurante e stimolante.

I dati rilevanti diventano uno strumento essenziale man mano che le località competono per attrarre i viaggiatori. Ogni destinazione può sfruttare la precisione dei social media per targettizzare il proprio segmento di pubblico.

Più immediato

L’ultima componente è l’immediatezza. I viaggiatori vorranno dati che siano veloci, accurati e rilevanti. Nessuno vuole arrovellarsi con una serie di informazioni sulla sicurezza spesso contrastanti; vogliono un’esperienza rapidamente accessibile, un punto di riferimento affidabile che determini ciò che la sicurezza significa per loro.

Conclusioni

Le condizioni di sicurezza possono cambiare su base settimanale o addirittura quotidiana. Questo invita alla partecipazione e alla collaborazione, che vediamo nella natura bidirezionale e reciproca di piattaforme come Waze.

Immaginate se le destinazioni invitassero i visitatori e i residenti a contribuire a rendere la loro città più sicura, più rassicurante?

Nell’oscurità della pandemia di oggi, è difficile immaginare bar, club e comunità vivaci, ma torneranno. La domanda è: in quale destinazione i viaggiatori torneranno per primi?

Noi crediamo che saranno quelle che useranno le loro piattaforme di marketing per fornire l’accesso a tecnologie che non solo creano benessere e rassicurazione, ma che permettono anche la sicurezza attraverso la geografia locale.

Questa è la novità del marketing dei viaggi, o Marketing of Care.

Vuoi aumentare la performance del tuo sito internet?

Scopri di più sul nostro sito Hotel Nerds Solutions!

Scopri di più!

Scritto da:

Pubblicato il: 31 Maggio 2021

Filed Under: Il Boss dei Nerds, News

Visite: 323

Tags: , , ,

Lascia un commento