Fidelizzazione e servizi aggiuntivi sono fattori determinanti per i viaggiatori business

La clientela business va considerata come un elemento fondamentale per raggiungere l’obiettivo di disintermediare, un concetto di cui si parla sempre più spesso nel settore turistico per arginare il potere delle OTA e recuperare parte della propria indipendenza imprenditoriale.

Se avete il desiderio di intercettare un numero più alto di viaggiatori business, è doveroso conoscere quali sono i fattori determinanti che li portano a preferire una struttura ricettiva anziché un’altra. Fra questi si segnalano i servizi aggiuntivi e programmi di fidelizzazione.

Il sondaggio di GBTA (The Global Business Travel Association)

The Global Business Travel Association ha condotto di recente un interessante sondaggio in cui sono stati intervistati 265 travel buyer, selezionandoli tra gli Stati Uniti d’America e l’Europa. Il sondaggio ha messo in luce come il 70% di loro sia concentrato sul rafforzamento della policy, una delle sfide più importanti nel breve-medio termine. Allo stesso modo però, l’ultima ricerca condotta da The Global Business Travel Association ha mostrato una scarsa conoscenza della policy degli hotel al momento della loro prenotazione.

Ciò ha portato i travel buyer ad affermare che il miglioramento delle policy è uno dei principali obiettivi per il prossimo anno (2019), accanto alla soddisfazione dei viaggiatori business. Un altro aspetto emerso al termine del sondaggio è l’importanza della corretta comunicazione a chi viaggia delle policy dell’hotel, elemento che migliora le possibilità di raggiungere i programmi prefissati all’inizio.

Il 66% dei viaggiatori business è interessato ai servizi aggiuntivi

The Global Business Travel Association ha intervistato anche 750 viaggiatori business, i quali hanno fornito risposte contenenti elementi di estremo interesse per il vostro hotel. Il 78% di loro ha dichiarato di essere soddisfatto circa l’indennità di viaggio. Fra questi, vi è una larga maggioranza di persone che sono disposte a pagare un po’ di più per soggiornare presso una struttura ricettiva in cui sanno di ricevere un trattamento migliore.

Tale maggioranza corrisponde al 66% dei 750 viaggiatori appartenenti alla cosiddetta clientela business. Se dunque da una parte è chiara la preferenza per le tariffe in cui sia inclusa una serie di servizi aggiuntivi, dall’altra si lamenta il problema di come soltanto l’11% dei programmi di viaggio dedicati a chi appartiene a questa speciale categoria di clienti preveda tariffe con un pacchetto combinato di prodotti. Ciò rappresenta un vantaggio per gli hotel interessati a intercettare i viaggiatori business. Il vostro obiettivo deve essere quello di migliorare l’offerta seguendo i suggerimenti tratti dal sondaggio di The Global Business Travel Association: l’aumento dei servizi aggiuntivi e una maggiore fidelizzazione. A seguire alcuni pratici consigli su come riuscire a ottenere un numero più alto di prenotazioni da parte della clientela abituata a viaggiare per affari attraverso il sito web del vostro hotel e tramite il booking engine ufficiale.

I servizi aggiuntivi più richiesti

Attraverso il sondaggio condotto dall’associazione GBTA è possibile risalire ai tre servizi aggiuntivi più richiesti. Valutate con attenzione l’opportunità di inserirli nelle offerte dedicate ai viaggiatori business. Uno dei servizi per cui chi viaggia per affari sarebbe disposto a spendere una cifra maggiore per il soggiorno in hotel è un sistema Wi-Fi premium, superiore dunque rispetto a quello che viene offerto di solito gratuitamente in gran parte degli hotel. La sottoscrizione del servizio Wi-Fi premium non garantisce soltanto una velocità maggiore della connessione, ma anche una migliore fruizione dei contenuti in alta definizione.

Inoltre, il Wi-Fi premium permette di organizzare delle professionali video-conference, altrimenti impossibili da realizzare con la banda proposta tramite la connessione Wi-Fi gratuita a cui accedono i restanti visitatori dell’hotel. Il secondo servizio aggiuntivo più richiesto è l’ingresso all’area fitness della struttura ricettiva

. Se disponete di una palestra all’interno dell’hotel, considerate la possibilità di offrire un pass giornaliero gratuito alla clientela business. In maniera analoga, se anziché una palestra ospitate una spa o una piscina al coperto, create un pacchetto personalizzato che comprenda l’accesso alle aree più esclusive della struttura ricettiva. Un terzo servizio extra nella lista dei desideri delle persone che sono in viaggio per affari è il food delivery. La consegna del cibo in albergo ha da poco preso piede in Italia e si rivolge essenzialmente ai clienti che hanno necessità diverse rispetto agli ospiti in vacanza. Se ne avete la possibilità, sarebbe opportuno stringere accordi commerciali con le aziende che si occupano in maniera professionale del food delivery, garantendovi in questo modo un extra potenzialmente vincente rispetto alla concorrenza.

L’importanza della fidelizzazione

Oltre ai servizi aggiuntivi, per la clientela business la fidelizzazione è un fattore determinante. Stando al sondaggio condotto da The Global Business Travel Association, il 71% dei viaggiatori ha affermato che vorrebbe guadagnare dei punti fedeltà in cambio del tempo speso per il viaggio. Il 25% delle persone intervistate negli Stati Uniti ha dichiarato che la presenza di un programma di punti fedeltà rappresenta un fattore determinante nella scelta dell’hotel in cui prenotare. La sua inclusione all’interno di un pacchetto pensato appositamente per chi è in viaggio d’affari è una scelta opportuna e che vi può far guadagnare un numero maggiore di prenotazioni.

Disintermediare dalle OTA attraverso una clientela business

Tramite il sito web ufficiale dell’hotel potete pubblicizzare i servizi aggiuntivi e il programma di punti fedeltà, proponendo così un valore extra che nessuna agenzia di viaggio online è in grado di replicare attraverso il suo schema di prenotazione fisso. Se avete l’obiettivo di disintermediare dalle OTA, cogliete l’opportunità data dalla clientela business e dalle richieste più gettonate fra i viaggiatori oggetto del sondaggio condotto dall’associazione statunitense GBTA.

Scritto da:

Pubblicato il: 29 novembre 2018

Filed Under: News, Portali di viaggi

Visite: 214

Tags: , , ,

Lascia un commento