Email Marketing: come aumentare i tassi di CTR

L’Email Marketing è una strategia indispensabile per promuovere un hotel e fidelizzare i propri ospiti. Oltre a stabilire un rapporto continuativo con i clienti passati, una campagna di email marketing può anche convertire ospiti “intermediati” in future prenotazioni disintermediate.

Prima di riuscire ad aumentare le prenotazioni dirette attraverso campagne di email marketing è fondamentale studiare e pianificare una strategia di comunicazione che possa coinvolgere il lettore. Naturalmente all’inizio sarà difficile conoscere i contenuti migliori per il proprio pubblico e per questo è fondamentale basarsi su dati comprovati relativi alla propria utenza.

Per portare avanti una campagna email efficace sarà necessario testare e monitorare qualsiasi cosa o comportamento. Sono numerosi i fattori che possono determinare il successo di una campagna di Email Marketing, ma il più importante è forse il CTR, ovvero il Click Through Rate. Qui di seguito vi proponiamo alcuni suggerimenti condivisi da Revinate.

Distinguere tra CTR (Click Through Rate) e CTOR (Click to Open Rate)

Prima di partire è importante comprendere appieno le metriche da analizzare. Pensate di inviare un’email a 100 persone: 30 aprono l’email e 12 persone hanno cliccato su una Call To Action almeno una volta. In questo caso il Click Through Rate, ovvero la percentuale di email consegnate con almeno un click, sarà del 12%. Il CTR serve quindi a monitorare l’engagement medio di una campagna.

Il Click top Open Rate, invece, è la percentuale di email aperte con almeno un click. Per arrivare a questo darà sarà necessario dividere il numero di persone che hanno cliccato su un link (12) per il numero di persone che hanno aperto l’email (30). Il risultato sarà un tasso di CTOR del 40%.

Sarà il CTOR, quindi, a darci maggiori informazioni sull’efficacia dei contenuti interni della nostra email.

Quali link monitorare

In generale è importante creare le proprie email con almeno una Call To Action chiara e in evidenza, ma è possibile anche inserire più link in una sola email differenziandoli per importanza: link di primo livello (CTA), link di secondo livello (contenuti nel testo) e link di terzo livello (social media e sito ufficiale).

Nel nostro caso dovremo essere interessati a monitorare principalmente i link di primo e secondo livello.

Quattro aspetti da curare per per aumentare i click

Invia le email agli ospiti giusti

La segmentazione, ovvero l’invio di email a gruppi di persone con qualcosa in comune o comunque in linea con il target dei contenuti realizzati, è un fattore importante per aumentare la rilevanza delle email e quindi il tasso di apertura e CTR.

E’ importante quindi distinguere tra contenuti mirati a famiglie o viaggiatori leisure, oppure tra viaggiatori business e millennial. Contenuti adatti a un tipo di viaggiatore non necessariamente sarà adatto alle altre categorie.

Crea un design focalizzato

Un’email di successo deve avere un tema di base chiaro e in evidenza senza alcuna distrazione, nonché una Call To Action principale.

Una strategia per migliorare l’efficacia dei contenuti e il raggiungimento di un obiettivo potrebbe essere quella di rimuovere link di secondo e terzo livello, evidenziando ancora di più la Call To Action principale. E’ buona prassi inoltre fare in modo che la Call To Action sia visibile senza dover scorrere la pagina.

Scrivi un copy ottimizzato ed efficace

Ottimizzare il copy è un altro sistema per aumentare il CTOR.

Per quanto riguarda il copy è possibile studiare e provare diverse strategie comunicative: un tone of voice differente, ad esempio, o contenuti diversi per ciascun segmento. Come già accennato è importante distinguere tra i vari segmenti di ospiti e studiare una comunicazione adatta al lettore di riferimento, che sia un business traveler o una famiglia.

Scritto da:

Pubblicato il: 15 febbraio 2016

Filed Under: Guida, Web Marketing

Visite: 1745

Tags: , , ,

Lascia un commento