Email Marketing: alcuni suggerimenti per sfruttarlo al meglio

Il successo di un hotel, e soprattutto di quelli indipendenti, dipende non solo dalla qualità generale del servizio, ma anche dai sistemi utilizzati per promuovere il brand e migliorare la propria reputazione. In tal senso una delle strategie migliori, anche grazie ai numerosi software messi a disposizione da terzi, è l’Email Marketing.

Come sottolineato in un post su innRoad, grazie ai PMS (Property Management System) disponibili sul mercato è infatti possibile estrapolare i dati degli ospiti di una struttura così da pianificare delle campagne di Email Marketing che possano promuovere il brand e consentire di restare in contatto con gli ospiti, sia passati che futuri.

Attraverso l’uso della creatività e di strategie mirate, gli operatori del settore hanno la possibilità di creare campagne che siano progettate per aumentare l’attenzione verso una struttura e per aumentare la quantità di prenotazioni dirette. Proprio per questo vi proponiamo alcuni suggerimenti che siano in grado di aiutarvi a sfruttare al meglio l’Email Marketing.

Convertire le prenotazioni OTA in future prenotazioni dirette

E’ ormai risaputo come gli albergatori abbiano un rapporto ambivalente verso le OTA, apprezzando la visibilità offerta ma al contempo detestando le altissime commissioni richieste per ciascuna prenotazione (in alcuni casi fino al 18-22%). Tuttavia una campagna di Email Marketing efficace potrebbe essere in grado di massimizzare il valore delle prenotazioni arrivate tramite le OTA. Gli albergatori possono infatti pianificare campagne che incoraggino gli ospiti a prenotare attraverso il canale diretto – sito web ufficiale o booking engine che sia – in occasione della prossima visita. Un possibile messaggio potrebbe essere il seguente:

Gentile [nome ospite], ti ringraziamo di avere soggiornato all’Hotel [nome hotel] tramite il nostro partner [nome OTA]. Saremmo felici, in occasione del tuo prossimo soggiorno a [nome della città] , averti ancora con noi. Per usufruire di tutti i vantaggi riservati ai nostri ospiti più affezionati e ottenere le migliori tariffe segui il link (o clicca il bottone) qui sotto.

Un sistema di questo genere permetterebbe non solo di recuperare un potenziale visitatore, ma anche di trasformare una prenotazione intermediata in una disintermediata.

Resta in contatto con i tuoi ospiti

Riprendendo un aspetto del punto precedente, gli ospiti passati rappresentano una risorsa importantissima per gli hotel – soprattutto quelli indipendenti. Che abbiano soggiornato un mese o un anno fa, hanno una certa familiarità con la struttura ed è possibile che, dopo un’esperienza positiva, siano pronti per tornare.

Inviare loro un messaggio “E’ da un po’ che non ti vediamo!”, con un incentivo, potrebbe contribuire a farli tornare. Un messaggio di questo tipo potrebbe rappresentare anche un ottimo metodo per aggiornarli sulle novità dell’hotel, come ristrutturazioni o nuovi servizi.

Con un ulteriore piccolo incentivo, come uno sconto del 15% sul prossimo soggiorno di due notti, è possibile che un ospite passato possa realmente decidere di effettuare una nuova prenotazione.

Premia la fedeltà degli ospiti

Ultimo punto, ma non per questo meno importante, è rappresentato dalla possibilità di offrire dei vantaggi esclusivi agli ospiti “regolari”, ovvero quelli che tornano con maggior frequenza.

Ispirandosi ai programmi fedeltà, gli hotel potrebbero quindi monitorare i soggiorni degli ospiti regolari, offrendo loro un premio – uno sconto, una stanza migliore o una notte gratuita – tramite email.

Una strategia simile permetterebbe non solo di coltivare il rapporto con gli ospiti fidelizzati, ma anche di garantire che questi possano affidarsi con maggiore probabilità al nostro hotel per i viaggi futuri.

Scritto da:

Pubblicato il: 13 marzo 2015

Filed Under: Guida

Visite: 2209

Tags: , , , ,

Lascia un commento