4 consigli per instaurare un rapporto di fiducia con l’ospite

Gli ospiti di oggi si aspettano che la propria interazione con un hotel sia personale e in linea con i propri interessi, ma grande attenzione è rivolta anche alla privacy. Cosa possono fare gli hotel per instaurare un rapporto personale con l’ospite senza essere invadenti?

In un articolo su Tnooz Carolyn Murphy ha condiviso alcuni consigli per fare in modo che gli ospiti si sentano più a loro agio nel condividere le proprie informazioni.

1. Scrivi una privacy policy chiara

Una privacy policy chiara e comprensibile permettere all’hotel di comunicare all’ospite quanto sia importante la sua privacy e la sicurezza dei dati condivisi con la struttura. Secondo quanto emerso da uno studio pubblicato su Deloitte University Press, il 73% dei consumatori era d’accordo nell’affermare che una privacy policy chiara e comprensibile avrebbe migliorato la loro fiducia verso le aziende in merito alla gestione e protezione dei dati personali.

Nonostante la probabilità che venga letta sia bassa, è importante fare in modo che la vostra privacy policy sia chiara e trasparente, migliorando la fiducia da parte degli ospiti interessati alla protezione dei propri dati.

2. Utilizza un form facoltativo per l’inserimento dell’email

Tutti i visitatori dovrebbero avere la possibilità di acconsentire esplicitamente a condividere la propria email con l’hotel. Consentiredi accettare o rifiutare autonomamente la ricezione di messaggi da parte della struttura, oltre a fornire un’immagine positiva del brand, consente di creare un database di email di ospiti realmente interessati a ciò che l’hotel ha da offrire.

Per fare in modo che gli ospiti si sentano a proprio agio nel condividere il proprio indirizzo email con la struttura è importante essere trasparenti nell’uso che verrà fatto di queste informazioni. In tal senso dovrebbero essere informati del fatto che mediante la comunicazione via email riceveranno offerte dedicate ai loro interessi per personalizzare nel modo migliore il soggiorno e vantaggi esclusivi a loro riservate.

3. Costruisci gradualmente i  profili degli ospiti

Un modo per tranquillizzare gli ospiti sulla condivisione delle proprie informazioni è quello di costruire profili progressivamente, senza chiedere una quantità eccessiva di dati in una sola occasione. Inizialmente potrebbe essere consigliabile chiedere esclusivamente i dati più importanti, raccogliendo le altre informazioni gradualmente durante le interazioni con la struttura.

4. Utilizza i dati già in tuo possesso

Vista la quantità di email già in vostro possesso, è consigliabile sfruttare un CRM (Customer Relationship Management system) per inviare messaggi maggiormente targettizzati e personalizzati.

Un CRM consente di migliorare la probabilità di comunicare con ospiti realmente interessati alla nostra offerta, rendendo le nostre strategie di marketing più efficaci ed efficienti.

In conclusione se l’obiettivo è quello di instaurare rapporti significativi e intimi con gli ospiti, mostrare interesse nell’offrire un’esperienza personalizzata rappresenta un aspetto fondamentale per guadagnarsi la sua fiducia.

Questo non è possibile nel caso si comunichi con un pubblico generico e poco targettizzato: ecco allora dove entra in scena la necessità di studiare il proprio pubblico di riferimento e informarsi sui suoi interessi.

Scritto da:

Pubblicato il: 17 Agosto 2015

Filed Under: Approfondimento, Guida

Visite: 1985

Tags: , , , ,

Lascia un commento