Amazon omologa Alexa per l’utilizzo in hotel

Amazon ha implementato il meccanismo di Alexa, affinchè possa diventare uno strumento valido per le strutture turistico ricettive e gli albergatori decidano di installarlo nelle loro attività.

Le modifiche apportate al software di Alexa sono volte a migliorare la sua velocità di esecuzione, incorporando una versione personalizzata del sistema per l’hospitality.

Alexa for Hospitality

Semplificare la creazione e l’installazione di un assistente vocale per il mondo dell’ospitalità è un obiettivo centrale, ad oggi, per Amazon.

La nuova versione della console di gestione Alexa è progettata tenendo a mente questo obiettivo, senza il bisogno di essere competenti in materia per implementare un‘esperienza vocale necessaria da espletare in un hotel.

Molti dispositivi possono essere gestiti e regolati con alcuni semplici click, piuttosto che con una registrazione rigida. Lo stesso vale per la raccolta e l’analisi degli analytics.

E per incoraggiare le aziende dell’hospitality a investire nel rendere Alexa parte della loro rete, l’azienda ha rilasciato nuove API di gestione Alexa. Possono essere utilizzate per gestire molti altoparlanti intelligenti Echo e altri dispositivi, e migliaia possono essere aggiunti rapidamente alla lista.

Le caratteristiche specifiche e l’accesso fornito agli utenti possono essere impostate, testate e rilasciate a seconda delle necessità, e il tutto personalizzato in base alle esigenze della struttura e del suo target di clienti.

“Abbiamo costruito Alexa per l’ospitalità per consentire di distribuire e gestire dispositivi ed esperienze abilitati ad Alexa su scala con Frustration-Free Setup e Alexa Management APIs”, Alexa smart properties head of marketing Bobby Agarwal ha spiegato in un post sul blog.

“Attraverso le API di gestione di Alexa, è possibile assegnare i dispositivi alle proprietà, configurarli, abilitare le competenze di Alexa, creare un’esperienza ospite personalizzata tramite competenze personalizzate e altro ancora. Consideriamo le API di gestione di Alexa come i mattoni degli sviluppatori per costruire esperienze di ambient computing”.

Ottimizzazione del display Eco Show

Amazon ha inoltre implementato l’esperienza visiva, quando Alexa viene collegata ai display intelligenti Echo Show e altri schermi con l’assistente vocale.

I clienti possono creare e personalizzare le notifiche e i messaggi visualizzati sullo schermo come note permanenti fino a quando non vengono respinte dall’utente o come schede rotanti che scorrono sullo schermo con il meteo e altre informazioni generali.

I clienti possono pubblicare e regolare entrambi i tipi di carte per mostrare informazioni sulla stanza, eventi imminenti, o qualsiasi altra cosa che potrebbe essere rilevante e di interesse per le persone che vi soggiornano o anche solo per visitare un luogo potenziale.

Lo schermo può sostituire le raccolte cartacee ed essere sempre aggiornato per cose come le specialità dell’happy hour al bar di un hotel o servizi che sono in continua evoluzione.

“Alexa ha fornito potenti strumenti per personalizzare i dispositivi abilitati alla riproduzione sullo schermo”, il fornitore di soluzioni Alexa for Hospitality Aiva CEO Sumeet Bhatia ha detto in una dichiarazione.

“Questi strumenti non solo migliorano l’impegno, ma aumentano l’accessibilità per più utenti. Siamo entusiasti di estendere queste capacità alla base di clienti di Aiva, aiutando le organizzazioni a distribuire e gestire le loro flotte di dispositivi Alexa e creare esperienze vocali eccezionali”.

Alexa for Hospitality è stata implementata al fine di amplificare la sua presenza nello spazio alberghiero e domestico gestito.

L’assistente vocale è recentemente diventato parte dell’esperienza Legoland sia in Florida che a New York, offrendo avventure ed esperienze personalizzate ai bambini che soggiornano nell’hotel.

E l’elenco dei clienti è aumentato da quando il servizio ha debuttato. Nel 2019, il Westin Buffalo è diventato il primo hotel in cui gli ospiti potevano collegare i loro account Amazon personali ai dispositivi Echo in ciascuna delle sue camere.

Mentre Amazon ha lavorato con Net Tech Inc. per distribuire Alexa a Legoland, il Westin era in partnership con la società tecnologica di ospitalità Volara.

Volara lavora sia con Alexa che con Google Assistant e sta rapidamente acquisendo nuovi hotel come partner e collaborando con altre aziende tecnologiche per migliorare i suoi servizi anche durante la pandemia.

La crescita dell’ospitalità vocale è probabile che si riprenda man mano che le persone ricomincino a viaggiare, specialmente dopo che saranno vaccinate.

Vuoi aumentare le vendite dirette sul tuo sito?

Scopri di più sul nostro sito Hotel Nerds Solutions!

Scopri di più!

Scritto da:

Pubblicato il: 13 Agosto 2021

Filed Under: Nerdaholic, News

Visite: 466

Tags: ,

Lascia un commento