8 trend di viaggio 2021 che gli hotel non devono sottovalutare

L’industria dei viaggi e dell’ospitalità ha mostrato il suo coraggio nel corso del 2020, affrontando le sfide che il Covid-19 gli ha lanciato e facendo tutto il possibile per sopravvivere. Non è stato senza vittime.

Ora, con la prospettiva di un vaccino, gli hotel devono essere in prima linea pronti ad accogliere qualunque volume  della domanda, assicurandosi un’occupazione soddisfacente.

Quando il vaccino sarà disponibile, ci aspettiamo che il mercato leisure torni più rapidamente rispetto ai viaggi d’affari, che subiranno un notevole ritardo.

In relazione a questo sono 8 i trend di viaggio che gli albergatori non dovranno assolutamente sottovalutare.

1. I consumatori saranno più attenti ai prezzi che mai

Le serrate nazionali e regionali hanno avuto un notevole impatto economico sui paesi di tutto il mondo. I Paesi dell’area OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) hanno registrato un aumento dei tassi di disoccupazione in seguito all’impatto della pandemia, con tassi che sono saliti complessivamente all’8% a giugno.

Di conseguenza, molti viaggiatori hanno meno soldi, hanno una sicurezza del lavoro significativamente inferiore e stanno diventando molto più attenti ai prezzi.

Non è mai stato così importante per gli hotel gestire le loro tariffe in modo corretto e adeguare continuamente i prezzi in base al profilo del cliente, al paese di vendita e all’attività dei concorrenti.

Gli hotel devono monitorare e rendere costantemente flessibile il modo in cui le loro tariffe vengono mostrate su tutti i canali e tenere traccia delle tariffe stabilite, ricordandosi di includere sia le case vacanza che gli hotel.

2. Le OTA diventeranno ancora più dominanti

Nella corsa alla vittoria delle prenotazioni, gli hotel stanno aumentando ancora una volta la loro fiducia nelle agenzie di viaggio online (OTA). Le catene alberghiere dedicheranno una parte maggiore del loro budget di marketing per aumentare la loro visibilità attraverso l’attività di booster e acceleratore, oltre a pubblicare annunci di viaggio.

È probabile che siano anche disposte a mettere più soldi dietro le promozioni per attrarre ospiti dai mercati feeder, dove la notorietà del marchio può essere bassa.

Mentre la creazione di forti partnership con le OTA sarà senza dubbio cruciale per la generazione della domanda, gli hotel devono stare in guardia contro i tassi di sottoquotazione delle OTA non contrattati.

3. La pubblicità pay per stay sarà di grande aiuto per gli hotel

Pay per Stay è uno strumento importante per gli hotel, che fa tutto il possibile per catturare la domanda riducendo al minimo i rischi (soprattutto in ottica 2021).

Raccomando vivamente a tutti gli hotel, sia che facciano parte di una catena di qualsiasi dimensione o siano indipendenti, di provare PPS, in modo che possano vedere come solo il pagamento delle prenotazioni una volta che i soggiorni degli ospiti si sono effettivamente verificati possa beneficiare del loro flusso di cassa.

4. Gli hotel fungeranno anche da uffici serviti

Abbiamo già visto alcuni hotel iniziare a fare perno ed esplorare nuovi modi di utilizzare i loro servizi e spazi per generare entrate. Si prevede che ciò continuerà per tutto il 2021.

Una delle opzioni più popolari è la riconversione delle aree di ristorazione e delle camere da letto in spazi per uffici. Questo approccio è più rilevante per gli hotel del centro città che in precedenza si affidavano agli ospiti d’affari e al mercato aziendale.

5. Le grandi catene diventeranno più grandi

Senza il sostegno finanziario di cui godono le grandi catene alberghiere, le catene più piccole e gli indipendenti sono stati particolarmente colpiti quest’anno.

Nel tentativo di sopravvivere, ci saranno fusioni e consolidamenti diffusi sul mercato, poiché le catene alberghiere acquisiscono alberghi in difficoltà che hanno bisogno di accedere agli investimenti e alla portata offerta dai grandi marchi.

Hilton e Marriott hanno già annunciato che prevedono di aggiungere circa 2.000 hotel al loro portafoglio.

6. I fornitori di PMS si rivolgeranno ad API aperte e ad una maggiore integrazione

Come i tradizionali sistemi di gestione della proprietà (PMS) – ad esempio Opera di Oracle – in fase di transizione verso le soluzioni di prossima generazione abilitate al cloud, i fornitori che probabilmente guadagneranno una maggiore quota di mercato saranno quelli che adotteranno un approccio aperto alle API (application programing interface).

Un PMS ‘aperto’ permette agli hotel di integrare senza soluzione di continuità il loro stack tecnologico – che comprende RMS, Rate Shopper, F&B, competitive intelligence tracker, ecc. su un’unica piattaforma.

Non solo gli utenti hanno un unico login, ma rende molto più semplice il monitoraggio e il confronto dei feed di dati.

7. La mobilitazione continuerà a crescere

Si tratta di una tendenza che mostra pochi segni di andarsene in tempi brevi. Anche se esiste da un po’ di tempo, il 2021 potrebbe essere l’anno definitivo per questa distinzione: quelli che hanno la capacità di capitalizzare l’opportunità e quelli che vengono lasciati indietro.

Con le loro app ad alta conversione e le loro strategie efficaci, saranno le OTA e i motori di meta-ricerca a vincere il trend della mobilitazione. Per tutti gli altri, senza la tecnologia o un piano chiaro, continueranno a rimanere indietro.

8. I dati relativi all’intenzione guideranno il processo decisionale

Il lancio da parte di Google di questo mese delle sue Travel Insights dedicate con la piattaforma Google per fornire all’industria dei viaggi e dell’ospitalità informazioni dettagliate sui suoi dati di ricerca di viaggi, hotel e destinazioni, segna un momento decisivo nell’ascesa dei dati d’intento.

Sebbene l’hub sia focalizzato sul mercato dell’Asia-Pacifico, per ora, il fatto che questi tre strumenti siano gratuiti sarà un aiuto significativo per il settore e, poiché il servizio è aperto a più regioni, gli hotel dovrebbero sfruttare al meglio l’accesso.

In futuro, il settore potrebbe anche avere accesso ai dati di ricerca di Google che le compagnie aeree utilizzano per decidere quali rotte riavviare. Questo aiuterà gli hotel a identificare quali mercati di riferimento raggiungere. Il nuovo strumento raccoglie e fornisce i dati di ricerca per le intenzioni dei consumatori alle compagnie aeree partner di tutto il settore, indipendentemente dalla compagnia aerea.

Il 2021 sarà un anno decisivo per il settore dei viaggi e dell’ospitalità. Le speranze del vaccino hanno visto un rally di valori condivisi tra alcune delle più grandi compagnie aeree europee.

Se questo ottimismo si trasformerà in realtà, gli hotel potrebbero avere la loro prima vera raffica di turisti da catturare, seguita più avanti nel corso dell’anno e nel 2022 dai viaggiatori d’affari.

Gli hotel devono agire ora se vogliono essere nella posizione privilegiata per accogliere questi ospiti attraverso le loro porte l’anno prossimo.

 

Vuoi aumentare la performance del tuo sito internet?

Scopri di più sul nostro sito Hotel Nerds Solutions!

Scopri di più!

Scritto da:

Pubblicato il: 16 Dicembre 2020

Filed Under: Il Boss dei Nerds

Visite: 377

Tags: , , , ,

Lascia un commento