3 idee da prendere in prestito da Airbnb per l’Hotel

Sin dal lancio, Airbnb ha influito in modo importante nel settore dell’ospitalità, sfidando apertamente l’industria alberghiera a livello mondiale. Proprio per la sua formula vincente, esistono alcune caratteristiche che potrebbero essere prese in prestito dagli hotel indipendenti.

Arrivato nel 2008, Airbnb ha raggiunto in pochi anni traguardi incredibili, arrivando a valere più dell’intera catena Marriot Hotels. Fornendo alla community appartamenti in affitto offerti da utenti a utenti (nel pieno principio della Sharing Economy), questo portale ha costretto gli albergatori a ripensare il proprio modo di operare e di comunicare con i viaggiatori per rimanere competitivi.

Tre caratteristiche di Airbnb a cui ispirarsi

L’impatto di Airbnb è tanto più evidente se si considera il suo appeal per i Millennial, la generazione di ospiti nati dai primi degli anni ’80 alla metà degli anni 2000, costringendo l’industria dell’ospitalità a prendere delle contromisure per affrontare al meglio i cambiamenti che verranno. Se è vero che il servizio di alloggi di San Francisco ha trovato una formula vincente, perché non prendere in prestito alcune sue caratteristiche per rinnovarsi?

Ragiona diversamente

Airbnb nasce da un’idea anticonvenzionale, ma comunque semplice e abbastanza intelligente da risultare interessante per i viaggiatori. Gli hotel indipendenti non devono necessariamente modificare drasticamente il proprio modo di operare, ma dovrebbero impegnarsi ma per ragionare in modo diverso e incorporare idee fresche e inedite all’interno delle proprie azioni quotidiane.

Un esempio può essere fatto con le conversazioni telefoniche con gli ospiti. E’ fondamentale sfruttare il contatto telefonico diretto per promuovere il brand dell’hotel indipendente con l’ospite e tentare di trasformare la telefonata in una prenotazione. In quest’ottica potrebbe essere utile monitorare le conversazioni con lo staff e istruirli su come fare per sfruttare questo mezzo di comunicazione per sfruttarlo al meglio.

Promuovi la tua community locale

Quando si visita il sito di Airbnb si nota immediatamente le promozioni associate a determinati luoghi. Da questo punto di vista, l’hotel indipendente si trova in una posizione avvantaggiata, con la possibilità di informare l’ospite sulle caratteristiche della propria community locale e su ciò che essa può offrire.

Il sito web può essere usato come mezzo per convogliare questo genere di informazioni per creare un bisogno che possa spingere l’utente a prenotare un soggiorno.

Accogli i Social Media

Come gran parte delle attività commerciali, anche Airbnb si affida significativamente ai social media per promuovere non solo brand ed esperienze, ma anche per interagire con i viaggiatori. Appare evidente quindi quanto i social media possano essere importanti per hotel indipendenti interessati ad attrarre nuovi ospiti, soprattutto i Millennial.

socialmedia

viaggiatori si rivolgono sempre di più a Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, Google+ e YouTube per scoprire nuove destinazioni e attività, per cui non avere una forte presenza sui social media può di fatto penalizzare gli hotel indipendenti.

L’industria alberghiera è in costante evoluzione e anche gli albergatori dovranno accogliere il cambiamento per restare competitivi.

Scritto da:

Pubblicato il: 21 agosto 2015

Filed Under: Airbnb, Approfondimento, Portali di viaggi

Visite: 2025

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un commento